I 4 step per pianificare la trasformazione di casa tua

Aggiornamento: 22 set

Pianificare la trasformazione della tua casa è essenziale se desideri procedere senza intoppi o sorprese sgradite dell’ultimo minuto.


Ristrutturare, cambiare l’arredamento o cercare di portare una ventata d’aria fresca in casa non è un lavoro da poco. Il rischio, per esempio, può esser quello di aver preventivato solo interventi semplici e decorativi per poi accorgersi della necessità di interventi più importanti, magari relativi agli impianti o alle strutture.


I fattori da tenere in considerazione sono diversi:


· Obiettivi

· Tempistiche

· Materiali

· Budget a disposizione

· Scelta dell’impresa e dei professionisti

· Valutazione dei preventivi

· Permessi

· Agevolazioni


Allora come puoi procedere in maniera efficace alla trasformazione di casa tua? Potrà sembrarti strano ma in realtà, per pianificare al meglio i lavori, sono sufficienti solo 4 precisi passaggi!


I 4 passaggi per pianificare la trasformazione di casa tua


Per cominciare, il primo passaggio per pianificare la trasformazione di casa tua è quello di stabilire con quanta più precisione possibile il tipo di lavoro che si dovrà compiere.


È inutile lasciarsi prendere dall’entusiasmo o dalla fretta: prenditi tutto il tempo che ti serve per stabilire l’entità del lavoro. Per fare questo ti viene in aiuto il progetto architettonico o di interni, che mette nero su bianco tutto ciò che è necessario fare per raggiungere il tuo obiettivo di rinnovo della casa.


Subito dopo aver stabilito questi aspetti puoi passare al secondo passaggio: la valutazione dei preventivi.


Spesso capita che le persone sottovalutino questa fase pensando di trovare subito il prezzo dei sogni o di doverne valutare solo un paio. La realtà è che quanti più preventivi avrai a disposizione tanto migliori saranno le informazioni che avrai in merito a costi e tempistiche.


Il terzo punto riguarda l’organizzazione della ristrutturazione.

Ti troverai a dover decidere se fare tutto da te o se chiamare dei professionisti.


Se i lavori sono davvero molto superficiali se vorrai, e se ritieni di averne le capacità, potrai occupartene anche personalmente.


In ogni caso questo punto prevedrà sempre e comunque 3 fasi intuibili:


· Allestimento e messa in opera del cantiere,

· Lavoro di trasformazione,

· Smobilitazione dei lavori.


Infine, l’ultimo punto per la pianificazione della trasformazione di casa tua è quello della supervisione e del controllo dei lavori.


E molto importante mettere in programma fin da subito il tempo personale o quello di un professionista da destinare alla supervisione del cantiere.


Questo passaggio è forse il più importante di tutti, perché senza un controllo costante dell’andamento dei lavori si rischia non solo di sforare i tempi ma anche il budget e soprattutto potrebbero esserci delle incongruità tra ciò che desideri e ciò che poi viene effettivamente realizzato.

Ecco perché pianificare la trasformazione della casa è essenziale, in caso contrario sarà difficile arrivare alla fine senza intoppi o sorprese indesiderate.


Immagina di essere nella fase di inizio del cantiere e di scoprire che i lavori sono molto più rilevanti del previsto perché hai saltato la fase di progetto. Oppure immagina di aver completato i lavori, pagato la somma concordata con l’impresa per poi scoprire, due mesi dopo, che avresti potuto risparmiare rivolgendoti ad un’altra impresa o richiedendo un’agevolazione fiscale.


Sono sicuramente situazioni snervanti e che in alcuni casi potrebbero compromettere la riuscita dei lavori stessi. Perché rischiare se con 4 semplici passaggi puoi organizzare e pianificare la trasformazione di casa tua nei minimi dettagli?


Il calcolo dei costi


Per finire voglio lasciarti un suggerimento bonus: come calcolare i costi dell’intervento prima di richiedere un preventivo con lo scopo di capirne la fattibilità.

È più che lecito chiedersi quanto potrebbe costare la trasformazione che stai immaginando, soprattutto quando devi fare i conti con il tuo budget e per valutare l’investimento.


Quindi come calcolare i costi?

Non esiste un modo preciso per calcolare i costi perché questi variano in funzione di tantissimi fattori. Quello che però può esserti d’aiuto è sapere che il 100% dell’investimento andrà indicativamente suddiviso in questo modo:


· 45% per la manodopera,

· 40% per materiali e forniture,

· 15% per professionisti e parte amministrativo-burocratica.


Ovviamente, queste sono percentuali indicative perché suscettibili di tante variabili come tipologia di intervento, collocazione geografica, ecc.

Ma sicuramente può aiutarti a capire come suddividere le spese.

Ora non ti resta che pianificare la trasformazione di casa tua cominciando dal primo dei 4 passaggi!


Ancora dubbi? Non esitare a contattarci!



Ristrutturazione di un soggiorno-cucina prima e dopo i lavori

103 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti